iMac 27″: Prime impressioni

| 6 commenti

Ciao a tutti, in questo nuovo articolo, volevo descrivere l’esperienza di utilizzo del mio nuovo iMac da 27″. Avevo acquistato nell’agosto dell’ormai lontano 2006, il primo Mac Pro della storia di Apple. È stato senza dubbio il miglior computer che abbia mai avuto, il mio primo Intel, e devo ammetterlo, il primo vero computer che sia riuscito veramente ad esaudire tutte le mie richieste, lavorando in multitasking anche in operazioni che prima giudicavo impossibili, senza mai mostrare segni di cedimento, grazie anche ai suoi 2 processori Xeon dual core da 2.66GHz. Ora cominciava a mostrare segni del tempo, ed essendo situato in una camera da letto/studio, desideravo qualcosa di meglio, che non mi riempisse la stanza di polvere, emanasse un immenso calore (ne ho viste di estati calde!), e fosse più silenzioso. Inoltre OS X Lion, pur girando perfettamente (uso le beta come Developer registrato sin dallo scorso Febbraio), funzionava in modalità 32 bit. Avevo quindi bisogno di un modello Mac che sostituisse degnamente il buon vecchio Mac Pro.

Configurazione
Sono andato su Apple Store online, e prima di effettuare l’ordine (telefonico), la mia scelta è caduta sul modello 27″ da € 1.899, personalizzato con le seguenti opzioni:

Il processore i7 quad-core garantisce un’ottima potenza, possiede 8 nuclei di calcolo, e la nuova serie Sandy-Bridge di Intel, offre un ottimo compromesso in fatto di consumo/prestazioni. La modalità turbo boost interviene automaticamente nel caso sia
necessario, senza che le prestazioni generali diminuiscano.


Ordinarlo con 4GB avrebbe significato avere 2 moduli da 2GB già inseriti. Nel mio caso, in cui pianifico un upgrade di memoria al massimo, è stato meglio ordinare con 8GB. In questo caso, non dovrò sostituire i 2 moduli da 2GB con altrettanti da 4GB.

Il modello da 27″ offre uno spazio interno maggiore. Perché quindi non approfittare di un secondo e velocissimo hard disk allo stato solido?  In più questo disco, che è anche il primario, non ha parti meccaniche in movimento, scalda e consuma meno.

Avevo richiesto la scheda video con 1GB di memoria, ma il consulente telefonico mi ha dato la versione 2GB senza spendere le 100€ aggiuntive. In più ho avuto in omaggio un Apple Remote in alluminio e un Apple Battery Charger con 6 batterie stilo. Grazie Apple! Circa 150€ risparmiate. In più, ho cambiato il Magic Mouse con un Magic Trackpad.

Curiosità sulla consegna
Il computer è arrivato a casa il 30 Agosto. Ci ha messo esattamente 3 settimane ad arrivare. Come potete immaginare, ero impaziente, ed ho saputo i dati del corriere solamente 24 ore prima della consegna. Il numero di spedizione non era assolutamente collegato ad un link internet, ma un semplice numero, e dato che volevo seguire la spedizione mentre non ero in casa, mi sono spedito una e-mail sul mio iPhone. Il numero era nel formato 1ZV****F680282**** (ho sostituito per motivi di privacy alcuni numeri). Una volta ricevuta la mail sul telefono, volevo copiare il numero e poi incollarlo e controllare la spedizione, quando invece l’iPhone mi ha mostrato “monitora spedizione”. Incredibile! È andato sul sito UPS alla pagina giusta, e ho potuto vedere la consegna, nonostante, lo ripeto, era un semplice numero. Controllando la mail appena spedita, ho scoperto che anche questa era diventata un URL cliccabile che portava alla stessa pagina.

Prime impressioni
•Che schermo grande! Pur avendo preso le dovute misure, è veramente enorme, e la risoluzione 2560 x 1440 che fa sembrare “piccolo” un filmato in full HD in scala 1:1. In più la mia altezza di visione si è alzata di “ben” 15 centimetri. E tantissimo rispetto al vecchio buon Cinema Display da 23″. Il problema non è assolutamente da sottovalutare e dovrò provvedere utilizzando una sedia più alta, per evitare danni alla vista. Ho ingrandito anche leggermente il puntatore per non perderlo di vista (vedi macraider NEWS n.29). Lo schermo ha una luminosità e contrasto eccezionali, e la qualità delle immagini è praticamente la stessa del monitor Cinema Led Display da 27″ (che presto sarà in vendita come Thunderbolt Cinema Display).

•Per collegare tutte le mie periferiche, è stato necessario collegare un hub Usb 2.0, collegato a una delle 4 porte sul retro del computer, lasciandone 3 libere. Ho commesso un errore madornale, cosa da non fare assolutamente: avevo collegato il mio hard disk esterno WD Elements (il best seller di Amazon.com) direttamente all’HUB alimentato, con la conseguenza che non si spegneva mai! Bisogna collegarlo direttamente al computer per evitare ciò. Le porte Thunderbolt sono 2, e solo 1 porta Firewire 800.

•La fessura per l’inserimento di schede SD, è troppo vicina alla fessura dell’unità ottica CD-DVD. Mi sono reso subito conto che Apple ha scelto una posizione assurda, specialmente se non si guarda. Stavo inserendo la scheda SD nell’unità ottica, immaginatevi con quali conseguenze!

•Il computer è silenziosissimo, specie rispetto al Mac Pro, e le emissioni di aria sono ridottissime. Lo chassis del computer scalda molto specialmente nella parte superiore, ma è anche grazie a questo che viene dissipato il calore in maniera adeguata.

•La tastiera wireless in dotazione è veramente piccola, ma ci si abitua rapidamente alla mancanza di un tastierino numerico. Scomodo utilizzare il tasto fn e le frecce direzionali piuttosto che premere Home, End, Pag.Su e Pag.Giù, ma con il trackpad ci si muove nei documenti in maniera sufficientemente rapida. Scomodo invece dover posizionare il cursore in mezzo ad una lettera da cancellare e poi non avere il tasto “Del” che cancella verso destra. Ancora una volta, occorre premere fn+tasto backspace.

Utilizzo
Il disco primario di default, è l’unità SSD da 250GB, che non sono pochi, ma nemmeno molti: immaginate come si riempirà in fretta, specialmente la cartella Applicazioni e Home. Per rimediare a questo, ho portato la cartella home sul disco rigido secondario SATA da 2TB. Questa è un’operazione da compiere il prima possibile, perché il computer non effettuerà nessun trasferimento dati dalla vecchia alla nuova cartella home. Per fare questo, occorre una modifica (reversibile se non si cancella nulla), da effettuarsi tramite le preferenze di sistema, pannello Utenti. Dopo aver sbloccato il “lucchetto” in basso, è possibile cliccare (col tasto destro) il proprio nome utente, e scegliere una nuova cartella preventivamente creata sul secondo disco.                        

Il disco di avvio contiene così solo il sistema e le Applicazioni, ed è incredibilmente veloce: A cronometro, passano 8 secondi dal logo della mela alla schermata di avvio! È anche sorprendentemente veloce, all’avvio, a lanciare insieme tutte le applicazioni che erano aperte prima del riavvio: veramente il collo di bottiglia del Mac, per quanto riguarda l’avvio, superato dalla velocità del disco SSD.
Con un utilizzo “normale”, comprendente Mail, Safari o Chrome, iTunes e Photoshop sempre aperti, l’utilizzo generale della CPU rimane intorno al 10-15%, abbastanza sorprendente visto, con “Monitoraggio Attività”. In caso di condizioni particolarmente gravose, tutti gli 8 nuclei di calcolo raggiungono il 100% senza che l’attività del computer venga rallentata.
Per quanto riguarda la compatibilità con Windows, ho installato Parallels Desktop 6, e per ora Windows XP. L’avvio di Windows avviene (a computer spento e non in sospensione)  in soli 5 secondi.
Che altro dire? Ci sarebbe ancora moltissimo, ma mi fermo qui, e sono solo le prime impressioni, sicuramente molto positive.  Se avete domande su tutto ciò che non ho detto, basta aggiungere un commento qui e vi risponderò! Nel frattempo, grazie di avermi letto fin qui. Alla prossima!

•Schermata a dimensione naturale di mission control (clic per ingrandire)

•Schermata a dimensione naturale della scrivania con un filmato full HD (1920 x 1080) aperto, clic per ingrandire.

6
Lascia una recensione

Please Login to comment
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
ivan71
Member

Complimenti uno spettacolo!!! e non hai badato (giustamente) a spese, solo il TOP!!!
Bravo Bravo!!!

gummy
Member
gummy

Impeccabile come sempre Raf !!! Sono contento del tuo acquisto 🙂 La recensione fa venir voglia di comprarne uno di uguale, ma il mio “umile” iMac da 20″ del Gennaio 2008 purtroppo/per fortuna va ancora che è una meraviglia 🙂 Meglio così dirai, certo … ma non ti nascondo che se dovesse saltar fuori un compratore magari l’anno prossimo lo sostituisco 🙂 Spero di riuscire un giorno a vederlo di persona perchè le recensioni per quanto siano fatte bene non sono mai come vedere dal vivo le caratteristiche in azione. Steve Jobs pochi mesi fa disse: “il 2011 è l’anno… Leggi il resto »

Marianne
Ospite
Marianne

Hey Raf

A great article you wrote.
Very clear all.
Looking a movie will be a pleasure,who needs a cinema then;)
Have fun with your awesome device.

Greetings
Marianne

Cristian Chieregati
Member

Veramente eccellente!!! Hai proprio scelto il top!!! Fa piacere vedere come anche il tuo Mac Pro sia durato a lungo senza il minimo problema.
Hai fatto veramente bene a scegliere l’ archiviazione ibrida HD+SSD. Sarebbe interessante vedere se l’ SSD manterrà la sua velocità man mano che si riempirà di dati.
Come sempre hai fatto un’ ottima recensione che fa subito venire la voglia di comprare un Mac con caratteristiche simili!!! Anche io sono molto tentato di acquistare un Mac mini con HD+SSD per sostituire definitivamente il mio PC che utilizzo come NAS per i dati. Si vedrà!!!
Ciao!!!

paolo formolli
Member
paolo formolli

Veramente ok ottima recensione. Ci sto pensando per cambiare il mio pc non essendo molto esperto dovrò farmi aiutare. Ciao