macraider.tv

Podcast e altre storie sul mondo Apple…

Condivisioni domestiche avanzate

| 1 commento

Vorrei condividere con i lettori l’evoluzione della mia rete domestica: la casa in cui vivo è disposta su tre piani: al primo piano vive mio zio, io invece, vivo al secondo piano con i miei genitori. Abbiamo anche la disponibilità di un terzo piano che abbiamo adibito a mansarda abitabile. Ho iniziato a creare una rete Wi-Fi poco dopo aver comprato il mio primo prodotto Apple, un MacBook bianco “early 2008”, che “ruggisce” ancora alla grande grazie a Lion. Infatti, come forse ricorderai [ricordo bene, ndr], a dicembre 2008 acquistai una Time Capsule e la posizionai in soffitta, collegandola via Ethernet ad un modem U.S. Robotics ed al PC. In questo modo riuscivo a coprire sia la soffitta, sia il secondo piano con il Wi-Fi. Avevo così anche un ottimo drive esterno per il backup dei dati, che potevo gestire sia da Mac, sia da Windows.
Ai tempi utilizzavo soprattutto la banda dei 2,4 GHz, dato che la Time Capsule di prima generazione non brillava molto nella trasmissione del segnale a 5 GHz.
Le cose si sono complicate quando i miei genitori, a luglio di quest’anno, hanno comprato un nuovo televisore Sony, che abbiamo posizionato in sala. Il TV è compatibile con la tecnologia di condivisione DLNA, perciò necessitava di una connessione potente, che garantisse anche la possibilità di ricevere flussi in HD, provenienti dal MacBook o dal PC. Perciò ho deciso di acquistare una “AirPort Express” e l’ho collegata alla Time Capsule sulla banda dei 2,4 Ghz, in modalità range extender. Ho quindi collegato il TV alla presa Ethernet della base AirPort. Purtroppo la visione di contenuti in HD procedeva a scatti. Ho quindi deciso di mandare in pensione la Time Capsule, almeno come access point principale, ed ho acquistato una “AirPort Extreme”. L’ho posizionata al secondo piano, assieme al modem su menzionato, e l’ho impostata in modo che trasmettesse sia sui  2,4 sia sui 5 GHz. Ho poi fatto passare un cavo Ethernet (cat 6), di circa 15 metri, attraverso i condotti della linea telefonica, in modo da collegarla al PC posto in soffitta, con l’ausilio di uno switch D-Link ad 8 porte, in modo da garantire probabili futuri collegamenti (magari l’installazione di un NAS vero e proprio). Adesso grazie al funzionamento della AirPort Express sui 5 GHz, si possono visualizzare tranquillamente contenuti HD sul TV.
La Time Capsule fa ancora da spalla, infatti riesce a ricevere il segnale da 2,4 Ghz, ed è possibile utilizzarla come range extender e come drive di backup. Ho poi acquistato un’altra AirPort Express che ho posizionato da mio zio. Essa riesce a captare ed estendere la banda dei 2,4 GHz.In questo modo riesco ad avere il Wi-Fi in tutto l’edificio.
In casa ho anche: un iPad di III generazione, un iPod Touch di IV generazione, un range extender Netgear con 4 porte 10/100 a cui ho collegato il decoder MySky HD e la Apple TV di III generazione.
Ciao!

Autore: Cristian Chieregati

Studente universitario appassionato di nuove tecnologie ed auto sportive.

1
Lascia una recensione

Please Login to comment
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
raffaele
Admin

Grazie a Cristian per la condivisione di questa esperienza, che se volete, potrete ascoltare anche sul podcast “Apple Horizon”